Con l’ordinanza 10065/2024, la Corte di cassazione ha ritenuto che la stipula di
un accordo conciliativo, con l’assistenza del rappresentante sindacale ma in sede
aziendale, non soddisfa il requisito normativamente previsto ai fini della validità
delle rinunce e transazioni ivi espresse, con conseguente nullità del verbale.

SCARICA IL PDF